Letture da Portare in Vacanza: i Libri sull'Italia

Che siate in vacanza per lavoro o per piacere, è sempre bene portare con sé dei libri da leggere. Sapete, quella montagna di libri che avete a casa e leggete quando non vi va di far nulla, con un bicchiere di vino in mano e il sole che picchia. Se avete voglia di leggere qualcosa di tipicamente italiano, qualcosa di spensierato e divertente, allora Beppe Severgnini è l'autore che fa per voi.


Severgnini è un editorialista del “Corriere della Sera”, il quotidiano più importante in Italia, ed è stato il corrispondente per “The Economist”. I suoi libri bestseller mostrano, con tono umoristico, le differenze culturali di italiani, inglesi e americani.


Grazie ai suoi libri sarete immersi in una serie di annotazioni culturali e analisi degli usi e costumi, in cui l'autore si è imbattuto in ogni paese, che vi strapperanno una risata.


Ecco tre libri da aggiungere alla lista delle letture in vacanza:

  1. Inglesi (1990)

  2. Ciao, America (2002)

  3. La testa degli italiani (2005)


“...Beppe aveva invidiato i colleghi giornalisti inglesi, perché la varietà di scandali sessuali è semplicemente meravigliosa. I politici italiani sono i più noiosi del mondo e se li vedi con una splendida brunetta in circostanze intime, non puoi scriverlo: guadagnerebbero solo più voti!”

Inglesi è stato scritto quando viveva a Notting Hill, a Londra.

Ancora più interessante durante la vostra vacanza, però, è il terzo libro della lista, “La Testa degli Italiani”. Capace di prendersi gioco dei suoi stessi connazionali, “La Testa degli Italiani” vi stupirà per la sua analisi schietta e dettagliata, da parte dell’autore, degli italiani, dai milanesi ai sardi.

La testa degli italiani (2005)

La copertina interna mostra una mappa di parole che compone la mente e il volto di un italiano. La "Provincia del Piacere" si trova sulla gola, il "Terminale della burocrazia benevola" si trova dietro la testa, che conduce un aereo in alto sopra le "Colline dell'incostanza". Arrivando all'aeroporto di Malpensa, a Milano, Severgnini scrive che gli italiani preferiscono le eccezioni piuttosto che le regole.

Essere Italiani è un lavoro a tempo pieno!

L'autore analizza, in maniera del tutto onesta, le buffonate dell'aeroporto, prima ancora di addentrarsi negli usi e costumi complessi degli italiani originari di ogni città: Milano, Toscana, Roma, Napoli, Sardegna, Crema e San Siro.

La "Bella Figura" dello stile di vita italiano viene spiegata in modo divertente - dare una "buona impressione" in una serie di luoghi diversi, dal vestito, al cibo e alle maniere. In contrapposizione a ciò, descrive umoristicamente la "brutta figura" che invece ne viene fuori.


L'Italia è tutt'altro che infernale. Ha troppo stile. Non è nemmeno il paradiso, naturalmente, perché è troppo sregolata…

Se cercate un po' di semplicità e spensieratezza nel vostro viaggio in Italia, allora acquistate uno dei libri di Beppe Severgnini, disponibili online e in tutte le librerie. La libreria principale è Feltrinelli ma potete trovare delle librerie anche negli aeroporti e in tutte le principali città.