Scacchi - La Difesa Siciliana


"il gioco siciliano" La Mossa della Difesa Siciliana

Quando si pensa agli scacchi, molti immaginano dei russi intenti a giocare per ore ed ore sbattendo i cronometri. Per alcuni è visto solo come un gioco, mentre altri ritengono sia importante imparare a giocare a scacchi a scuola, in modo da sviluppare le capacità di problem solving e le abilità mentali fin da piccoli. La Sicilia è famosa nel mondo degli scacchi per una delle mosse del gioco.

"La difesa siciliana" è un particolare tipo di apertura, in cui il giocatore si difende sin dall'inizio. Gli scacchisti non la considerano la migliore delle strategie e viene attuata solo quando si conoscono bene le abilità dell'avversario e il suo modo di giocare. Fin dal 1500 molti scacchisti hanno sia amato che rifiutato questa mossa nelle loro partite - "Il Gioco Siciliano" si riferisce ad un vecchio manoscritto italiano in cui il nome fu reso noto nel 1800. Una mossa che permette di catturare diversi pedoni, lasciando la parte centrale (Re e Regina) esposta agli attacchi avversari. A causa del cambiamento che questa mossa ha portato al gioco, la Difesa Siciliana non è stata notata in più di 75 partite giocate nel Torneo di San Pietroburgo nel 1914. Questa rinuncia al controllo sui pezzi non durò a lungo, per cui grandi maestri come Garry Kasparov e Bobby Fischer ricorsero a questa strategia, facendo sì che la Difesa Siciliana venisse riconosciuta come la difesa che offriva al Nero il maggior numero di possibilità di vincere, applicandola per tutta la loro carriera.


La difesa siciliana è quella più giocata quando il bianco apre con 1.e4. Questa apertura ha diverse varianti e ognuna è studiata per ogni tipo di giocatore, quindi è necessario del tempo per imparare.


Si dice che nel ventesimo secolo la Difesa Siciliana sia diventata l'apertura più giocata e più studiata sia dai club che dai professionisti, secondo gli autori di “Modern Chess Openings” negli anni '90. Fin dalla prima mossa ha luogo una battaglia psicologica, fatta di tensione e velocità.



Il Grandmaster (GM) è un titolo assegnato ai giocatori di scacchi dalla Federazione Internazionale degli Scacchi (FIDE). Oltre al "World Champion", il Grandmaster è il titolo più importante che uno scacchista possa ottenere.

Il titolo di Grandmaster, insieme ai titoli minori della FIDE di International Master (IM) e FIDE Master (FM), è aperto a tutti i giocatori indipendentemente dal sesso. La maggior parte dei professionisti sono uomini, ma un certo numero di donne hanno anche ottenuto il titolo di GM. Dal 2000 circa, la maggior parte delle prime 10 donne si è aggiudicata questo titolo. Solo 37 degli oltre 1.600 grandi scacchisti internazionali sono donne. La donna attualmente più quotata, Hou Yifan, è all'89° posto nel mondo. È una grande maestra di scacchi cinesi e quattro volte campionessa mondiale di scacchi femminile. Un prodigio nel mondo degli scacchi, è la più giovane a qualificarsi per il titolo e la più giovane a vincere il Campionato mondiale di scacchi femminile.

Attualmente ci sono tornei nazionali e internazionali in tutto il mondo e alcuni stanno ritornando in presenza, ad esempio il Campionato Europeo Seniores in Sardegna, che ha avuto luogo dal 25 settembre al 5 ottobre 2021.